Domenica delle Palme

È trionfale il Vangelo di questa Domenica. S’inizia la settimana, detta santa, per i santi misteri che in essa si celebrano. Gesù entra in Gerusalemme tra turbe agitanti rami di ulivi simbolo della pace ed elevanti esclamazioni solenni: gloria al figlio di Davide, benedetto colui che viene nel nome del Signore. È tanta festa, tanta gioia, tanto gaudio attorno a Gesù in Gerusalemme. Ma passeranno poche ore e tutto si muterà in divina Passione. Gerusalemme rivedrà il Grande, il Benedetto, annichilito, maledetto da quelle stesse turbe. La città santa prenderà l’appellativo di deicida e su di essa si addenserà l’ira di Dio che un dì la lascerà in balia dei suoi nemici. Gerusalemme vedrà la sua rovina. Gesù risente ancora l’osanna e il crucifige nelle anime che peccano. Ieri gloria a Dio nella sua grazia, oggi disonore a Lui col peccato. Facciamo che Gesù entri sempre in noi come un trionfatore benedetto e sia lontano da noi il peccato che addolora Lui e rovina la nostra anima (Amare 52, 25.3. 1945).

Servo di Dio don Ambrogio Grittani